Sul fare teatro a scuola - ACT1 - BLOG di Alessandra Nardon - Act 1

Vai ai contenuti

Sul fare teatro a scuola

Act 1
Pubblicato da in Scuola e Teatro ·
Tags: teatroscuolaeducazionelaboratorio
Fare teatro a scuola è una modalità didattica di lungo periodo che ha una grande valenza dal punto di vista formativo e presenta significative ricadute in termini di motivazione, apprendimento e crescita personale dei ragazzi.
È un mettersi in gioco sia per i discenti che per gli insegnanti in un confronto continuo con se stessi e con gli altri. Inoltre la modalità laboratoriale favorisce un apprendimento di tipo collaborativo.
Poiché l’esperienza di fare teatro a scuola si inserisce in quelle pratiche funzionali all’acquisizione di competenze di tipo trasversale, il suo scopo primario non è e non deve essere finalizzato alla produzione di una rappresentazione finale. Se questa ci sarà dovrà essere il risultato di un percorso che pone il ragazzo a confrontarsi con le proprie capacità e i propri limiti, a instaurare con i compagni una reale collaborazione perché il teatro è come una macchina. Suggerisco sempre questa metafora durante i laboratori: ogni piccolo ingranaggio, ogni vite, ogni bullone serve a farla andare avanti, se anche uno solo di questi elementi viene a mancare o funziona male tutto il meccanismo ne risentirà. Un esercizio che mi piace proporre ai ragazzi e che mi dà la misura di quanto il gruppo si sia formato è lo scambio di posto. Ci si mette in cerchio assumendo una posizione rilassata ma vigile, in silenzio ci si “ascolta”. Durante l’ascolto si crea una situazione particolare di tensione e partecipazione assieme, si percepisce il respiro degli altri, si spia il minimo movimento, si intuiscono le intenzioni ma soprattutto ci si assume un compito, quello di trovare un’intesa con un compagno solo con lo sguardo e scambiarsi di posto con lui. Questo deve avvenire in maniera spontanea, senza mettersi d’accordo e senza l’intervento dell’insegnante. Se il gruppo funziona i movimenti non si accavalleranno, ogni coppia avrà il suo turno e i tempi di tutti verranno rispettati. È quindi il senso di responsabilità che viene richiesto al singolo, la presa di coscienza che non si sta lavorando solo per se stessi ma si è parte di un gruppo. Si lavora assieme, con rispetto.
Per questo sono convinta che al di là delle implicazioni di tipo contenutistico (attraverso il teatro si possono affrontare molti argomenti di studio) l’importanza del teatro nel sistema educativo stia proprio nel suo essere uno strumento di crescita sia personale che collettiva.



Nessun commento


Torna ai contenuti